• ENEWS

    ENEWS

Il Presidente e il Vice Presidente del PE, Antonio Tajani e David Sassoli, esprimono soddisfazione per la scelta di Roma quale sede del Segretariato dell’Assemblea Euromediterranea.
 
"Dobbiamo lavorare per rilanciare l’Assemblea Euromediterranea che può giocare un ruolo chiave nella stabilità del Mediterraneo, a cominciare dalla Libia, dove va sostenuto il processo verso le elezioni e il rafforzamento dello Stato. Voglio ringraziare il Vice Presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, per il lavoro che ha portato alla scelta di Roma come sede permanente del Segretariato dell’Assemblea Euromediterranea. Questa scelta integra tutti i criteri di qualità ed efficacia richiesti dall’Assemblea stessa”, ha dichiarato il Presidente Tajani a seguito della riunione del Bureau Euromed che si è tenuto oggi nella sede del Parlamento europeo.
 
“La scelta di istituire il Segretariato permanente Euromed a Roma è un successo della Presidenza del Parlamento europeo e una grande occasione di rilancio della politica per il Mediterraneo. Abbiamo bisogno di rafforzare il dialogo fra i Paesi delle sponde nord e sud del Mediterraneo per affrontare le grandi sfide che abbiamo davanti: immigrazione, sicurezza, crescita economica.

APPROFONDISCI IL DOCUMENTO

  • Visite: 45
0
0
1
s2smodern
In base alle nuove norme approvate dal Parlamento giovedì, i cittadini extracomunitari esenti dall'obbligo di visto dovranno ottenere un'autorizzazione prima di recarsi nell'Unione europea. Il nuovo sistema europeo d'informazione e autorizzazione di viaggio (ETIAS), che dovrebbe essere operativo nel 2021, consentirà controlli avanzati sui viaggiatori esenti dall'obbligo del visto. Inoltre, i viaggiatori che possono rappresentare un rischio per la sicurezza, ad esempio in caso di immigrazione irregolare o elevato rischio epidemico, si vedranno negare l'accesso.
 
I cittadini degli oltre 60 paesi e territori esenti dall'obbligo del visto che entrano nell'UE dovranno compilare un modulo elettronico prima del viaggio previsto, con i loro dati personali (compresi nome, data e luogo di nascita, sesso e nazionalità), le informazioni sui documenti di viaggio (validità, paese di rilascio), l’indirizzo di residenza e le informazioni di contatto, e il paese europeo in cui è previsto il primo ingresso.
 
Precedenti penali e viaggi nelle zone di conflitto - Il richiedente dovrà inoltre informare le autorità di qualsiasi condanna per reati gravi (quali terrorismo, sfruttamento sessuale dei bambini, tratta di esseri umani o traffico di stupefacenti, omicidio e stupro), del soggiorno in specifiche zone di guerra o di conflitto, nonché di qualsiasi precedente decisione amministrativa di lasciare il paese, nel corso degli ultimi dieci anni.

APPROFONDISCI IL DOCUMENTO

  • Visite: 45
0
0
1
s2smodern
Il bilancio UE per il prossimo anno dovrebbe concentrarsi sui giovani, dicono i deputati in una risoluzione votata giovedì. Altre priorità sono la crescita, la sicurezza, la lotta contro il cambiamento climatico e la gestione della migrazione.La risoluzione, che stabilisce le linee guida per i deputati nei negoziati sul bilancio 2019 con i Ministri UE, è stata preparata dal relatore per il bilancio Daniele Viotti (S&D, IT) e approvata con 399 voti favorevoli, 146 voti contrari e 87 astensioni. Questa è la prima risposta del Parlamento al progetto di bilancio dell'UE per il 2019, presentato dalla Commissione il 23 maggio.
 
Nel testo, i deputati:
 
  • affermano che l'Iniziativa europea per l'occupazione giovanile (IES) dovrebbe essere ulteriormente rafforzata, rilevando che la disoccupazione giovanile è ancora più elevata di quella del 2007,
  • deplorano la modesta entità dell'aumento per il programma dell'UE per la competitività delle piccole e medie imprese (COSME) e ricorda che si tratta di un "programma di successo che ha molti più candidati che beneficiari di finanziamenti",

APPROFONDISCI IL DOCUMENTO

  • Visite: 48
0
0
1
s2smodern
Con un bilancio di 500 milioni di euro per il biennio 2019-2020, il nuovo Programma europeo di sviluppo industriale per la difesa (EDIDP) contribuirà a finanziare lo sviluppo di nuove tecnologie e prodotti, per rendere l’UE più indipendente e garantire un uso più efficiente dei fondi nel settore della difesa Chi può partecipare? L’Unione cofinanzierà i progetti realizzati dai consorzi di almeno tre imprese pubbliche o private con sede in almeno tre diversi Stati membri dell’UE.
 
Per ottenere i contratti, i promotori dovranno dimostrare il contributo all’eccellenza, all’innovazione e alla competitività del proprio progetto. I progetti specificatamente dedicati alle PMI (piccole e medie imprese) e alle Mid-Caps (ovvero, le imprese che non rientrano nelle PMI ma impiegano fino a 3.000 dipendenti), così come le azioni nel quadro della PESCO, beneficeranno di tassi di cofinanziamento più elevati. Che cosa si può finanziare? Il Programma europeo di sviluppo industriale della difesa finanzierà le fasi che vanno dalla ricerca alla produzione di nuovi e avanzati strumenti di difesa all’interno dell’UE, dagli studi alla progettazione, fino ai test e alle fasi di certificazione e sviluppo, in settori quali:

APPROFONDISCI IL DOCUMENTO

  • Visite: 49
0
0
1
s2smodern
facebook_page_plugin
Follow me:

© 2017 Patrizia Toia