Stampa

Grave preoccupazione per il progetto Nord Stream 2

Nel dibattito di lunedì sera a Strasburgo con Miguel Arias Cañete, commissario sull'azione per il clima e l'energia, i deputati hanno dichiarato che il progetto Nord Stream 2 va contro gli obiettivi dell'Unione dell'energia, danneggia la solidarietà tra gli Stati membri e dovrebbe essere considerato da un punto di vista sia geopolitico, sia economico.Diversi deputati hanno sottolineato che Nord Stream 2 non promuoverebbe la diversificazione, ma al contrario aumenterebbe la dipendenza da un unico fornitore. Alcuni hanno sostenuto che il progetto non è giustificato economicamente o in termini di azione climatica, riflettendo invece le motivazioni geopolitiche. La maggior parte dei deputati ha chiesto alla Commissione europea di porre fine al progetto Nord Stream 2 nel più breve tempo possibile.Il commissario Cañete ha detto che il progetto "probabilmente cambierebbe la configurazione attuale del mercato del gas" e che la Commissione aveva contattato le autorità tedesche per ottenere tutti gli elementi necessari per valutare il progetto. Cañete ha sottolineato che il diritto dell'Unione deve essere applicato a tutti gli aspetti del progetto Nord Stream 2 e che "tutti i progetti devono essere allineati alle politiche dell'Unione dell'energia".Il progetto del gasdotto Nordstream 2, gestito da un consorzio guidato dalla società del gas russo Gazprom, mira a costruire nuovi gasdotti che raddoppierebbero la capacità dell'attuale collegamento gas Nord Stream esistente tra la Russia e la Germania settentrionale sotto il Mar Baltico. I nuovi gasdotti potrebbero essere completati entro la fine del 2019.