Stampa

"Abbiamo cercato di dare un'anima all'Europa. Europa è libertà"

Matteo Renzi chiudea Strasburgo il semestre di presidenza italiana dell'Ue - "Fatti non foste per vivere come bruti, ma per seguire virtute e canoscenza". Citando la frase che Dante fa pronunciare a Ulisse, Matteo Renzi chiude il suo discorso a Strasburgo tratteggiando un bilancio del semestre di presidenza italiana dell'Ue."Siamo a un bivio: il Parlamento europeo scelga se vivere come bruti inseguendo il linguaggio demagogico per qualche decimale in più, opppure di essere europei e seguire virtù e conoscenza".Il semestre italiano Ue ha il "colore e il sapore di un'opportunità: siamo stati in grado della sfida in questi sei mesi. Sono consapevole che gli addetti ai lavori ci chiedono dei risultati, se siamo soddisfatti. Ma è una domanda mal posta", sottolinea Matteo Renzi a Strasburgo perché "chi fa politica non è mai soddisfatto se lo è, è meglio che cambi mestiere"."Abbiamo cercato di dare un'anima all'Europa. Per noi l'Europa è libertà". "Lo spauracchio della demagogia può portare un decimale di voto in più ma se saremo leader" sapremo accettare "la sfida di far tornare l'Europa a fare il proprio mestiere".Charlie Hebdo. "I nostri nemici non potendo ucciderci puntano a cambiare il nostro modo di vivere: non possiamo consentirlo a nessuno". Dopo l'attacco al settimanale Charlie Hebdo "il rischio è pensare che la paura ci possa fermare e immobilizzare. Alzare muri significa non essere europei. Vogliono cambiare il nostro modo di vivere", ha spegato Renzi, "ma non possiamo in nome della nostra sicurezza vivere rannicchiati. Da uomo di governo e di sinistra vi dico che non lasceremo mai la parola identità a chi grida più forte".Il saluto a Napolitano. "Giorgio Napolitano ha rappresentato anche in questi sei mesi la guida del nostro Paese: Giorgio Napolitano, convinto europeista che proprio in queste ore lascerà il proprio incarico avendo compiuto un lungo percorso di cambiamento e avendo affrontato le difficoltà in Italia con l'intelligenza e la saggezza".