AREA STAMPA

AREA STAMPA

L'Europa è a un bivio e per rilanciarsi ha bisogno di più democrazia e più potere ai cittadini. Per questo è giusto che il Governo italiano sia pienamente impegnato negli sforzi per arrivare al 25 marzo a una Dichiarazione di Roma il più possibile forte e condivisa, mettendo l'accento sulla questione sociale. Non si tratta solo questioni di principio, ma della possibilità di avviare un nuovo corso europeo in cui l'Ue corregga i difetti che noi italiani e noi eurodeputati progressisti le abbiamo sempre imputato. L'europa a due velocità può significare, per certi versi, più democrazia e più capacità decisionale. 

VAI AL COMMENTO PUBBLICATO SU L'UNITA' DEL 11 MARZO 2017

  • Visite: 71

L'unica cosam certa oggi quando si parla di lavoro è che non ci sono certezze. Per questo in un epoca di impetuose trasformazioni tecnologiche, economiche e sociali è bene diffidare di chi spaccia soluzioni facili e ideologiche, come il ritorno al mercato del lavoro protetto degli anni 70, sostenuto da quella parte della sinistra che rifiuta di confrontarsi con la miodernità e il riformismo, o come il salto nel buio delle teorie sulla fine del lavoro, con proposte nebulose come il "reddito di cittadinanza" proposto dai grillini. L aquestione è cruciale, non solo nel dibattito politico italiano.   

VAI AL COMMENTO PUBBLICATO SU L'UNITA' DEL 4 MARZO 2017

  • Visite: 72

No, non abbiamo votato l'inserimento del Fiscal Compact dei Trattati, come ha cercato di sostenere qualcuno, e no, non è vero che l'Italia è "il ventre molle dell'Europa" e che in questi anni ha perso l'occasione di risanare il debito pubblico, come sostiene l'economista tedesco Daniel Gros e come pensa quelche commissario europeo a Bruxelles. A starsburgo abbiamo votato per cambiare il Fiscal Compact e in questi anni l'Italia si è rifiutata di strangolare la propria economia con un risanamento accelerato, approfittando per fare riforme importanti. 

VAI AL COMMENTO PUBBLICATO SU L'UNITA' DEL 25 FEBBRAIO 2017

  • Visite: 86

Prima di farsi travolgere dalle polemiche e correre a premere il bottone rosso dell'autodistruzione forse è il caso di fermarsi un momento a riflettere su cos'è oggi il Partito Democratico, sulle sue responsabilità nei confronti degli italiani e dei suoi elettori e sul suo ruolo in Europa. Come capodelegazione degli eurodeputati Pd al Parlamento europeo ho la fortuna di poter guardare l'Italia e al Pd anche da Bruxelles e con occhi dei colleghi di altri Paesi con cui lavoriamo tutti i giorni. Forse la cosa sorprenderà qualcuno ma non siamo quella "Italietta" che ancora hanno in mente troppe persone.

VAI AL COMMENTO PUBBLICATO SU L'UNITA' DEL 18 FEBBRAIO 2017

  • Visite: 99

logo patrizia footer

Questo sito utilizza i cookie al fine di offrire ai propri visitatori una migliore esperienza di navigazione. Per ulteriori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire bloccarli o per cancellarli, si veda l'apposita informativa sui cookie. Proseguendo con la navigazione l'utente presterà il consenso all'uso del cookie. Privacy e Cookies