AREA STAMPA

AREA STAMPA

L'euro è di sinistra. E una sinistra che è contraria tradisce se stessa, i suoi valori e i suoi elettori. E' arrivato il momento di dirlo chiaro e forte e di sgombrare il campo dai troppi equivoci e dalle troppe posizioni ambigue motivate da ragioni elettoralistiche o di pressapochismo intellettuale. L'euro è di sinistra perchè grazie alla moneta unica c'è stata crescita nei nostri paesi e a peggiorare le cose dopo la crisi del 2008 non è stato l'euro, ma una sbagliata politica economica. Senza l'unione monetaria non avremmo un mercato unico europeo, con il conseguente aumento di lavoro e ricchezza procapite.

VAI AL COMMENTO PUBBLICATO SU L'UNITA' DEL 11 FEBBRAIO 2017

  • Visite: 96

Questa volta a Bruxelles l'abbiamo fatta grossa, abbiamo abolito le tariffe roaming una volta per tutte e ora, spiega uno spassosissimo articolo sul sito satirico Newsthump.com, un onesto cittadino britannico che volesse pagare di più quando utilizza il proprio cellulare in vacanza si scontrerebbe contro il solito muro di burocrazia comunitaria. Per non parlare della "fregatura" delle telefonate all'estero che probabilmente, per non pagare sovrapprezzi, dovranno essere effettuate parlando in tedesco, francese o perfino in "belgian". Si, agli inglesi va riconosciuto che sullo humor restano imbattibili.  

VAI AL COMMENTO PUBBLICATO SU L'UNITA' DEL 4 FEBBRAIO 2017

  • Visite: 93

Caro direttore, non è l'Europa che manca, sono gli europei. Anzi diciamola tutta, gli europei mancano tra le fila delle classi dirigenti nazionali, sicuramente non tra i giovani. Angelo Panebianco (Corriere, 23 gennaio) proponeva un ritorno alla democrazia nazionale e liquidava l'Unione europea come un progetto scaduto. Si tratta di opinioni autolesioniste, per un Paese che le fa proprie. Nel suo editoriale, intitolato "Cambiare i trattati europei", il professor Panebianco sostiene che è inutile aspettarsi che l'Europa risponda alla destabilizzazione di Trump e lamenta la debolezza dell'Ue.    

VAI ALL'ARTICOLO PUBBLICATO SUL CORRIERE DELLA SERA DEL 1 FEBBRAIO 2017

  • Visite: 90

Ripensare l'industria significa anche ripensare l'energia. Finalmente oggi in Europa tutti concordano sul fatto che la ripresa economica passa per una rivitalizzazione del settore manifatturiero. Nei mesi scorsi il Governo Renzi ha presentato un piano per la cosidetta "Industria 4.0" che segna lìatteso ritorno dello Stato negli investimentie nellìorientamento strategico delle politiche industriali.Anche Francia e Germania hanno presentato piani simili e a livello europeo la Commissione ha già pubblicato delle iniziative supportate da oppurtunità di finanziamento.

VAI AL COMMENTO PUBBLICATO SU L'UNITA' DEL 28 GENNAIO 2017

  • Visite: 108

logo patrizia footer

Questo sito utilizza i cookie al fine di offrire ai propri visitatori una migliore esperienza di navigazione. Per ulteriori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire bloccarli o per cancellarli, si veda l'apposita informativa sui cookie. Proseguendo con la navigazione l'utente presterà il consenso all'uso del cookie. Privacy e Cookies