BILANCIO DI MANDATO 2009-2014

BILANCIO DI MANDATO 2009-2014

BILANCIO DI MANDATO - SINTESI DELL' ATTIVITA' 2009-2014

La legislatura europea (2009-2014) è stata attraversata dalla crisi più “dura” e difficile che l’Europa abbia conosciuto. La crisi finanziaria, economica, produttiva e sociale ha scosso le fondamenta della“casa europea”, ha rivelato le debolezze di un “progetto incompiuto” (l’unità monetaria senza l’unità politica) e ha mostrato, alla fine, un’ Europa senza gli strumenti e senza i “poteri” necessari a risolvere la crisi che ha rischiato di far “saltare l’euro” e di disgregare l’ intera Unione. Oggi dobbiamo affrontare con decisione la sfiducia dell’opinione pubblica verso l’Europa.

Dobbiamo dare una prospettiva di cambiamento dell’Europa attuale, una vera e propria “svolta”, su tre livelli. Quello ideale: recuperiamo il valore originario del progetto europeo, come comunità di persone e comunità di diritti. Quello politico-istituzionale: completiamo la costruzione della casa europea, con una maggiore integrazione, andando verso una visione federalista (più o meno leggera e completa) e più democratica della governance europea. Quello delle scelte politiche e dei programmi: cosa deve fare l’Europa più forte e democratica che noi vogliamo? Dobbiamo ribaltare l’indirizzo attuale e porre la crescita, l’occupazione e la coesione sociale (cioè più lavoro, più diritti e più sviluppo) come obiettivi principali ai quali anche il rigore e l’austerità devono subordinarsi. Non partiamo certo da zero: ci sono proposte concrete, strumenti chiari e risorse adeguate per raggiungere il traguardo di una nuova e diversa Europa. Occorre però una chiara scelta politica anche per l’Europa

Bilancio di mandato - Sintesi dell'Attività 2009-2014 - Pubblicazione a cura di Patrizia Toia (pdf)

bilancio di mandato


Follow me:

© 2017 Patrizia Toia

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando a navigare nel sito accetti il loro utilizzo. Informativa